Musica e video sempre in tasca: la diffusione dei cellulari multimediali

Telefono cellulari

autoredi data24 Marzo 2009 - 23:03 commentiNessun commento 1142 letture

modu_compare_450

Basta un semplice viaggio in aereo, in treno o semplicemente camminare per la strada per rendersi conto di come ormai i lettori audio portatili siano diffusissimi in tutte le fasce della popolazione, e non possono più essere circoscritti come fenomeno tipicamente giovanile. D’altro canto, la potenza e la versatilità  dei telefoni cellulari è cresciuta continuamente nel corso degli anni, tanto che oggi la grande maggioranza di questi dispositivi offre una dotazione tale da permettere di svolgere molte più funzioni rispetto alla semplice gestione di chiamate e messaggi testuali.

Convergenza digitale: La combinazione delle attività  di riproduzione audio e video e di connettività  mobile diventa quindi un passaggio assolutamente naturale, permettendo di raggruppare tutte le esigenze di comunicazione e d’intrattenimento in un unico oggetto e ottenendo quindi numerosi vantaggi: innanzitutto è necessario trasportare, ricaricare e (cosa non sempre scontata) ricordarsi di portare con sé un unico dispositivo; inoltre, questo tipo di integrazione permette di essere sempre sicuri della propria reperibilità : non è inusuale, infatti, che chi è immerso nell’ascolto o nella visione di contenuti audio e video non si accorga delle chiamate in arrivo.

micro_sd_card

Utilizzando i telefoni multimediali, viceversa, quando si riceve una chiamata la riproduzione viene interrotta, commutando la modalità  d’uso in maniera tale da permettere una risposta immediata: spesso, addirittura, è possibile abbinare al telefono una coppia di auricolari con microfono integrato, che svolge la doppia funzione di consentire l’ascolto dei contenuti audio e di offrire un sistema di comunicazione “hands free”.

Caratteristiche multimediali: La grande maggioranza dei telefoni cellulari, permette, oggi, di riprodurre contenuti audio, come per esempio i tradizionali brani Mp3; non basta questa funzione, però, per rendere il telefono realmente multimediale: molto più critico e discriminante è il supporto del video di alta qualità , come quelli conformi al moderno standard H.264. Questo formato garantisce immagini fluide e definite nella grandissima maggioranza delle circostanze, ma sono ancora pochi i telefoni che lo supportano.

nokia-5330-xpressmusic

Rimanendo in ambito video, assume un’importanza essenziale la qualità  e la dimensione dello schermo: anche la riproduzione più fluida, infatti, non viene apprezzata a fondo quando l’area dedicata alla visualizzazione è piccola oppure mostra i colori poco brillanti. Non a caso, alcuni dei modelli più evoluti dispongono di un’uscita video che permette di riprodurre i filmati su un qualsiasi televisore.

Altrettanto importante è la capacità  di memorizzare una grande quantità  di dati: i filmati occupano, infatti, molto spazio, anche se vengono ridimensionati e ottimizzati per la visualizzazione su dispositivi mobili. E’ essenziale, quindi, disporre di una memoria interna di dimensioni generosa, oppure della possibilità  di ampliare questo spazio utilizzando memorie estraibili, come le sempre più diffuse schede MicroSD.

Gestione dei formati: questa caratteristica torna utile anche in ambito musicale, poiché i lettori multimediali portatili hanno ormai abituato gli utenti ad avere sempre con sé tutta la propria collezione musicale, o per lo meno qualche centinaio di brani. Oltre alla capienza, è importante anche il supporto per la maggiore varietà  possibile di formati audio. Spesso sottovalutato, infine, ma molto importante è il design del dispositivo: il telefono deve offrire un accesso comodo e veloce, preferibilmente tramite pulsanti dedicati, alla gestione della riproduzione (play, pausa, avanti e indietro), un software di navigazione tra i contenuti rapido e intuitivo e la possibilità  di collegare qualsiasi tipo di cuffia o auricolare, mantenendo quindi la compatibilità  con i tradizionali connettori jack da 3,5 mm.


Lascia un commento.

Bambine