• Categoria dell'articolo:Videogioco PC

Patrician III PC

Patrician III L

Si dice che l’Italia sia popolo di Santi e navigatori ma considerando il fatto che un videogioco sui Santi non è ancora stato fatto, rimane l’opzione navigatore. Quindi qualsiasi italiano voglia provare a calarsi in questi panni dovrebbe provare almeno una volta questo bellissimo titolo di FX Interactive studiato e progettato da Ascaron. Non è necessario saper guidare una nave o risiedere in una città  di mare nè tantomeno viaggiare all’indietro nel tempo fino ad arrivare al 1300, basta risalire al 1992 (ben 15 anni fa!) per veder nascere il primo capitolo di questa serie, che si replica anni dopo dando vita a Partrician II.

Il secondo capitolo ottiene un successo quasi inaspettato che spinge gli sviluppatori a progettare un terzo episodio, uscito nel 2004. Videogioco a volte abbastanza sottovalutato, Patrician è un gestionale sui generis nel quale impersoneremo un mercante marittimo che attraversa i freddi mari del Nord, dalle coste della Gran Bretagna a quelle dell’Estonia per rifornire i porti delle principali città  dei beni di largo consumo. Un misto fra strategico e gestionale nel quale dovremo utilizzare tutto il nostro fiuto negli affari per riuscire a diventare i commmercianti marittimi piùrichiesti della mappa.

Essendo necessario leggere spesso delle note ufficiali e consultare il menù, Partician è stato interamente tradotto in italiano ed è supportato da un libretto molto esplicativo e ben fatto che aiuta il giocatore a destreggiarsi al meglio fra i vari impegni ai quali bisogna far fronte. Si interagisce con il gioco attraverso l’ormai classicissimo binomio tastiera-mouse ed tasti per giocare sono preconfigurati e largamente descritti anche nel libretto.

In Patrician III L’impero dei Mari PC l’avventura parte dal menù pricipale,dalquale sceglieremo se giocare in modalità  campagna o giocatore singolo. La modalità  campagna è il classico raggiungimento dell’obiettivo che viene dato all’inizio della missione tramite una nota scritta su pergamena nella quale oltre all’obiettivo finale vengoni riportate delle piccole note su come riuscire a risolverlo nel migliore dei modi. Le missioni sono 7 in totale e abbastanza differenti fra loro in modo da soddisfare un po’ tutti i palati dei giocatori. Scegliendo la modalità  giocatore singolo invece ci si ritrova una schermata nella quale inseriremo il nostro nome di battaglia,la città  di partenza, l’anno, la carta di navigazione, il livello di difficoltà , la velocità  di gioco ed infine l’obiettivo. Una volta impostati questi parametri, si passa alla partita vera e propria, cominciando con il fare visita alla taverna della nostra città  di partenza per reclutare un comandante e qualche membro dell equipaggio. Una volta fatto questo si inizia a vagare di città  in città  a comprare a prezzi bassi per poi vendere con i giusti rincari in altre zone della mappa.

Patrician III L

Ogni città  ha i propri punti di forza, quelle tre o quattro materie che vengono prodotte in ingenti quantità  a prezzi ridotti e che possono essere acquistate e rivendute in altre zone dove invece risultano deficitarie. Se a Visby si trovano le migliori stoffe a prezzi stracciati sarà  il caso di farne incetta in quantità  trasportabili nella nave per porterle poi rivendere sulle coste della Gran Bretagna o a Colonia, dove invece faremo incetta dell’ottimo vino autoctono. I beni commerciabili si dividono in materie prime (ferro, legno, mattoni e pece), articoli di lusso (vino, spezie, miele e pelli), beni di consumo (lana, stoffe, olio, ceramiche, sale, cuoio, canapa e utensili) ed alimenti (cereali, birra, pesce e carne). Tutti i beni sono soggetti all’inesorabile legge della domanda e dell’offerta: più si rende disponibile un bene più il prezzo dello stesso cala. E’ quindi indispensabile pianificare le vendite in modo da ricavare sempre un guadagno abbastanza elevato e mai accontentarsi di due spiccioli pur di vendere, meglio tenere delle riserve stockate a magazzino da distribuire nei momenti di carestia, quando il guadagno è garantito. Una volta messi da parte un po’ di quattrini potremo anche pensare di avviare una nostra produzione terrena di beni, in modo da essere sempre forniti ed incrementare i guadagni. Si parte con una nave di media grandezza per poterne via via acquistare altre, più piccole e agili o più capienti ma impossibilitate a passare lungo i fiumi in quanto troppo grandi.

Con Patrician III PC chiaramente più si investe denaro più si corre il rischio di perderne Poi se non siamo troppo scrupolosi possiamo arrotondare i guadagni facendo favori a personaggi più o meno affidabili: curiosando nei retrobottega delle varie taverne troveremo viaggiatori che ci chiederanno di essere trasportati in qualche meta lontana, contrabbandieri che vorranno affittare il nostro magazzino e depositarci le merci che scottano o loschi figuri che ci chiederanno di consegnare strani pacchi in luoghi remoti della mappa. Ogni tanto saremo fortunati e tutto andrà  per il meglio, altre volte capiterà  che la nostra nave sia attaccata dai pirati che ci ruberanno tutto (equipaggio incluso) e dovremo rimboccarci non poco le maniche per riuscire ad ammortizzare le perdite.

La cosa peggiore che ci possa capitare comunque è che le autorità  cittadine vengano a sapere dei traffici non troppo puliti che mettiamo in atto e decidano di esiliarci dalla città :in questo caso ricostruirci una fama dignitosa sarà  un’impresa non da poco. Nel caso in cui invece ci comportassimo da veri gentlemen, la nostra fama sarà  talmente grande che la popolazione ci acclamerà  chiedendoci insistentemente di ricoprire cariche politiche come qualle di sindaco, o meglio ancora qualche anziano notaio ci offrirà  la propria figlia in sposa (nonchè delle cospicue somme di denaro), in modo da portare avanti la generazione e tramandare le navi ai posteri.

Interessanti le variazioni climatiche, che influenzeranno le richieste dei beni e l’ impossibilità  di percorrere alcuni tratti di coste per via dei ghiacci che bloccheranno alcune vie percorribili.
Avendo la possibilità  di impostare diversi livelli di difficoltà  è possibile iniziare con quello più semplice tanto per “farci l’occhio” e poi aumentare di grado. Il divertimento è assicurato con questo gioco distribuito da FX alla modica cifra di 9,90 € (appena uscito il gioco costava 19,90 euro, cifra comunque ben spesa) che ora si trova facilmente nei blocchi preconfezionati distribuiti dalla casa. Per i contenuti totalmente innocui (anzi, a tratti educativi vista la necessità  di utilizzare astuzia e strategie commerciali per riuscire almeglio negli affari) il gioco è destinato ad un pubblico dai 3anni in su, sempre su PC.

Lascia un commento