Un nuovo telecomando speciale per Aibo

Novita Videogiochi

autoredi data13 Ottobre 2008 - 07:10 commentiNessun commento 1099 letture

Un nuovo telecomando speciale per Aibo

Aibo!

Forse non tutti i lettori di questa pagina sapranno che in Giappone esiste una vera e propria mania del momento e che questa mania va sotto il nome di Aibo. Ma che cosa è in realtà  Aibo? Aibo è un bellissimo cagnolino, solo che invece di essere fatto di ciccia e peli è fatto di bulloni e di un materiale iper resistente che ne consente un utilizzo prolungato nel tempo. Questi simpatici cagnolini sono ormai famosi nella terra del Sol Levante semplicemente perché non sporcano, non danno fastidio, ma sono programmati per rendere tutti molto felici.

Alla programmazione di default di un Aibo vi è però una componente personale che il giocatore (perché infondo di gioco si tratta) può impostare come più preferisce. Ad esempio è possibile, tramite un telecomando apposito, guidare il proprio cagnolino meccanico in un luogo piuttosto che un altro. In tal modo è molto semplice addestrare il simpatico animaletto secondo le proprie esigenze. Fermo restando che per ora purtroppo nessuno qui in Europa può possedere un Aibo (ma prevediamo che presto questa mania dilagherà  e spopolerà  anche qui) vi vorremmo rendere partecipi di ciò che abbiamo scoperto.

La grande notizia ci viene dritta dritta da un sito molto famoso giapponese che pubblica le ultime novità  dal mondo videoulico. Secondo il portale nipponico un hacker, evidentemente non sapendo che cosa combinare, ha deciso di fare in modo che la propria Sony PSP diventasse il nuovo telecomando per il proprio Aibo. In tal modo questo hacker ha detto addio al secondo telecomando trovando una soluzione di sicuro pratica e comoda. Pare che i comandi agli Aibo tramite Sony PSP debbano avvenire tramite una sorta di software di tipo exploit.

Ovviamente per ora non conosciamo i dettagli di questa notizia anche se per ora sono circolate delle voci di corridoio che si sono rivelate essere false. Alcuni detrattori hanno subito detto, di fatti, che in realtà  non si trattava della opera di un hacker, ma di un semplice utente che, premendo i tasti a casaccio era riuscito a muovere il proprio Aibo. In realtà  tutto questo non corrispoinde alla verità  dei fatti dal momento che online sono già  disponibili video dimostrativi che ci fanno bene immaginare il reale funzionamento di questo incredibile exploit, anche se per noi europei ancora inutile.


Lascia un commento.

Bambine